Calendidario
Aprile 30, 2017
L’ultimo orto di papà Dario il giorno di San Giuseppe

Dario Maffei raccoglie legni che poi userà per il suoi lavori, sui sentieri della destra Adige e nelle sue mani come per magia, si trasformano in folletti, mostriciattoli, streghe e animaletti misteriosi.
Lavori che ruotano attorno all’immaginario rurale e silvano le cui implicazioni metaforiche, simboliche ed emotive, ci toccano nel profondo, ma non solo.